In offerta!

Gastrofisica. La nuova scienza del mangiare

22,80

titolo: UN DRINK COME SI DEVE.La storia sconosciuta di un gruppo di bartender che hanno salvato il mondo del bere civilizzato
autore: Charles Spence
casa editrice: Readrink
lingua: italiano

E se mangiare e bere fossero molto più complessi di quanto pensassimo?
Se la nostra percezione dei cibi non fosse solo una questione di lingua o di naso ma dipendesse anche dai colori, dai suoni e dalle forme?

6 disponibili

Descrizione

E se mangiare e bere fossero molto più complessi di quanto pensassimo?
Se la nostra percezione dei cibi non fosse solo una questione di lingua o di naso ma dipendesse anche dai colori, dai suoni e dalle forme?
Sembra incredibile ma è solo l’inizio delle scoperte di Charles Spence, professore all’Università di Oxford. Un testo che fonda le basi della Gastrofisica e la pone al centro di ogni esperienza gastronomica, rendendo questa disciplina fondamentale per chiunque lavori con il cibo o le bevande, o anche soltanto per chi fa di questi prodotti un bene primario.
Gastrofisica è il libro per tutti coloro che vogliono trasformare il semplice nutrirsi in una esperienza indelebile.

PROFESSOR CHARLE SPENCE
Forse non se lo sarebbe aspettato nel 2008, quando grazie a un divertente esperimento sulla patatina sonica gli fu conferito il premio Ig Nobel, ma quasi un decennio dopo il Professor Charles Spence è ritenuto tra i massimi esperti nella percezione multisensoriale e nella progettazione delle esperienze. Psicologo sperimentale, professore presso l’università di Oxford e capo del Laboratorio di ricerca crossmodale, Spence ha reso la Gastrofisica una materia di assoluto valore, divenendo consulente delle più importanti multinazionali tra cui Unilever, PepsiCo, Diageo, Pernod Ricard, P&G, Nesté e Twinigs, senza contare le numerose collaborazioni con i migliori bartender internazionali e gli chef, uno su tutti Heston Blumental.

.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gastrofisica. La nuova scienza del mangiare”